.
Annunci online

Accademico di nessuna Accademia
CULTURA
23 febbraio 2012
Il Nipote di Rameau di Denis Diderot


Vorrei imparare a guardare il mondo attraverso gli occhi disincantati del Nipote di Rameau* così come li ha dipinti la penna geniale di Denis Diderot. Non temo di intossicarmi l’animo con la sua viltà come credeva l’Hegel della Fenomenologia dello spirito quando ne fece una figura contraddittoria dello spirito. Coscienza vile, sempre pronta a ribellarsi, ma soprattutto ad adulare il prossimo pur di avere un desco e un giaciglio dove far riposare le sue stanche ossa e malandate.
Adulatore nato, ma sincero, che non nasconde la sua invidia e la sua mediocrità, che gode quando viene a conoscenza di qualche episodio della vita privata dei grandi uomini che li diminuisce nel loro prestigio. Lo aiuta a meglio sopportare la sua bassezza. Qui sta la grandezza del personaggio di Diderot.
Vorrei guardare attraverso gli occhi del Nipote di Rameau per vedere quanti ignoranti, stupidi, pazzi, impertinenti, scansafatiche, furfanti, scrocconi e crapuloni, s’aggirano per il pianeta. Gli ignoranti che sembrano saggi, gli stupidi scambiati per persone intelligenti, i pazzi per savi, gli impertinenti per persone garbate, gli scansafatiche per persone indefesse, i furfanti per persone oneste, gli scrocconi e crapuloni per persone morigerate.
Lasciate, dunque, che reciti anch’io la mia parte di buffone – “Non v’è miglior ruolo presso i grandi che quello di gran buffone”, dice Rameau – poiché la menzogna ai popoli è meno nociva della verità. Chi è savio non dice mai la verità. La verità è una prerogativa dei buffoni. Ma sulla loro bocca la verità viene scambiata per un motto di spirito, un lazzo partorito dalla mente bacata del buffone. Per fortuna, aggiungo, perché la verità ammazza le coscienze, e i buffoni non amano uccidere, tutt’al più amano divertire il prossimo, rallegrarlo con le loro amenità o con le loro innocue battute di spirito. La menzogna invece uccide le vite delle persone, ecco perché solo i savi possono dire menzogne alla moltitudine, quei savi che si incontrano nelle redazioni dei giornali, nelle corti dei potenti, che si vestono di consigliere del principe per suggerire la menzogna più suggestiva e più accattivante. Ai buffoni basta poco, un desco e un giaciglio, vivere in modo bizzarro e stravagante. Le cose serie, il governo delle moltitudini, le lascia fare ai savi, alle persone a(c)corte.

*Le Neveu de Rameau è una delle opere di Diderot pubblicata postuma. Jean-François Rameau, nipote del famoso musicista francese, era un personaggio reale. Diderot è riuscito a farne un personaggio picaresco. Molti tratti del nipote di Rameau somigliano a quelli dell’Abate Galiani, grande amico di Diderot, conversatore brillante, i cui racconti erano accompagnati da una fitta gesticolazione fortemente mimetica.




permalink | inviato da brunocorino il 23/2/2012 alle 11:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

OkNotizie Leggi la mia intervista su Whohub
Chiedi un opinione su qualche argomento:


Motori ricerca Dettagli giordanogiordani.ilcannocchiale.it Paperblog

Liquida

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License. free counters

La verità è brutta: abbiamo l'arte per non perire a causa della verità.
F. Nietzsche, Frammenti, 16 (40) 6, 1888.

"Non è affatto vero che l'artista esista anche se incompreso. A lunga scadenza l'artista incompreso cessa di esistere, sparisce di circolazione..."

EUGENIO MONTALE

Aggregatore 

Sulla rivista online

leggi: Il filosofo e il poeta: Saba/Colorni

http://www.scrittinediti.it/blog/2011/04/07/il-filosofo-e-il-poeta-sabacolorni/

 

Amo la poesia di Dante per la sua compostezza. Amo la poesia di Catullo per le sue laceranti passioni. Amo la poesia di Leopardi per la sua concezione della vita aderente ai suoi versi. Amo la poesia di Majiakoski per i suoi versi fragili e irruenti. Amo la poesia di Esenin per il respiro della sua terra. Amo la poesia di Gozzano per la sua ironica malinconia. Amo la poesia di Montale per la sua sapienza. Amo tutti i poeti che hanno dato un gusto nuovo alla vita.Non amo Carducci per la sua vanità. Non amo D'Annunzio per la sua falsità. Amo Pascoli, ma solo a metà. 

 

Chi volesse leggere in versione integrale

I colori della vita e altre storie
Il prodigio. Racconto onirico
Rocciacavata
.
può cliccare
http://www.centoautori.it/Opera.aspx?Page=autore
 

Il vero mistero del mondo è il visibile, non l’invisibile.
Oscar Wilde

E' bello doppo il morire vivere anchora...

Il racconto Latebre di desiderio è pubblicato in Vino veritas

Il racconto La casa diroccata è pubblicato in "Era una crepa nel muro. Il giallo"

Il racconto Notte di cielo stellato è pubblicato in

 

Il racconto "L'abulico" è pubblicato in "L'ACCIDIA" 

Cop_L'accidia ANTEPRIMA.jpg

 Il racconto "Sulla punta di un grammofono" è pubblicato in "L'INVIDIA"

 Cop_L'invidia ANTEPRIMA.jpg

 Uno stralcio del "Prodigio" col titolo "Il prestito" è pubblicato in "L'AVARIZIA"

Cop_L'avarizia ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Scivolo nel sonno..." è pubblicata in "LA NOTTE"

Cop_La notte ANTEPRIMA.jpg

 La poesia "A te che Venere non sei, ma le somigli" è pubblicata in "BELLEZZA"

Cop_Bellezza ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Il fissato" è pubblicata in "DANZANDO NEL SAPORE DELL'UVA"

 Cop_Eros ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Il Funambolo" è pubblicata in "SCANTINATI PER MEDUSE E FIORI DI CRISTALLO"

Cop_Scantinati per meduse e fiori di cristallo ANTEPRIMA.jpg

La Poesia "Fritto misto" è pubblicata in "LA GOLA E I VIZI CAPITALI"

Cop_La Gola ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Nostalgie" è pubblicata in "MALINCONIA. I GRANDI TEMI DELLA POESIA"

Cop_Malinconia ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Corpo teso" è pubblicata nell'antologia QUANDO LA PELLE NON CI SEPARAVA

 Cop_Quando la pelle non ci separava ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Aurora - Attenti al titolo" è pubblicata nell'antologia LA VITA CHE TI DIEDI

   Tecnica mista su tavola 40x40

 SOLIDARIETA' ORGANICA

  

IL MODO CORRETTO DI MORIRE

 

NON TI SCORDAR MAI DI ME

 

OFELIA

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ASPETTANDO UN NOME

OTIUM FELIX

FOTO D'EPOCA

 

Ognuno di noi ha dei romanzi/racconti che sono degli amici cari con i quali ogni volta che stiamo insieme abbiamo sempre mille cose da dirci e da raccontarci  e con i quali  mai ci stanchiamo di parlare. Si sa, i veri amici non sono poi così tanti. Ecco i miei cinque più cari amici:

La morte di Ivan Il'ic, Lev Tolstoi

Senilità, Italo Svevo

Doktor Faustus, Thomas Mann

Il rosso e il nero, Stendhal

La letttera rubata, Edgar Allan Poe

 

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001.