.
Annunci online

Accademico di nessuna Accademia
CULTURA
1 febbraio 2012
Sull'utilità e il piacere della filosofia nelle scuole...


Da un lato piacerebbe anche a me poter scrivere un Elogio della filosofia come Maurice Merleau-Ponty, ma m’astengo dallo scrivere un testo cosiffatto in quanto ritengo che nella filosofia non ci sia nulla da elogiare, o meglio, sono convinto che qualsiasi elogio della filosofia alla fine si trasforma in un elogio di alcuni filosofi, magari quelli che più ho amato nei miei anni di formazione: Bruno, Spinoza, Hegel, Nietzsche, Marx, Peirce, Simmel, Freud, Wittgenstein; dovrei dire qual è l’aspetto che in ciascuno di loro ha maggiormente attratto e stimolato i miei interessi; ne verrebbe fuori, alla fine, una sorta di autobiografia filosofica…
D’altra parte dovrei spiegare i motivi degli assenti: perché Spinoza piuttosto che Leibniz? Perché Hegel anziché Kant? Perché Wittgenstein e non Popper? Perché né Socrate né Platone? Né Gentile né Croce? Finirei, insomma, con lo scrivere un Biasimo della filosofia: o meglio, un biasimo di taluni filosofi.
Dall’altro, un elogio della filosofia rischierebbe di risolversi nella domanda: a che serve la filosofia? Vale a dire bisognerebbe giustificare o legittimare la presenza della filosofia nella formazione culturale umana in ragione della sua utilità. Utilità a quali fini? Naturalmente, come risponderebbe ogni buon insegnante di filosofia, utile allo sviluppo del senso critico. Eppure, come insegnava Aristotele, che di filosofia se n'intendeva, la filosofia nasce dallo stupore, ossia dalla capacità di meravigliarsi.
Lo stupore in sé non ha alcunché di utile. Lo stupore è quell’atteggiamento in cui siamo ancora disposti a lasciarci sorprendere dal modo in cui le cose si presentano alla nostra mente. Tale predisposizione non è oggetto di insegnamento: o si dà tutto per scontato o, talvolta, ci meravigliamo di scoprire che ci siano cose che sfuggono alla banalità. Questa predisposizione, più modestamente, possiamo definirla “curiosità”. I bambini sono gli esseri più curiosi perché si trovano in quella fase in cui stanno “scoprendo” il mondo. Anche l’atteggiamento filosofico è un atteggiamento che ci predispone a questa continua messa in discussione di ciò che appare o di ciò che abbiamo tacitamente appreso. Da questo punto di vista, la vita quotidiana può essere il regno dello stupore. Ogni atto, gesto, comportamento può predisporci allo stupore. Ad esempio, quando si presenta qualcosa di inatteso che ci mette in una situazione disorientante.
Eppure, la filosofia, quella legata alla creazione del senso critico, s’è allontanata da questa dimensione di stupore. L’insegnamento della filosofia si è risolto in una tecnica del “ben argomentare”. Senso critico può significare come atteggiarsi nei confronti di qualcosa con distacco e senza lasciarsi coinvolgere. Paradosso della filosofia: i buoni insegnanti, quando arrivano a parlare dei Sofisti, lo fanno nei termini in cui ne parlò a suo tempo Socrate, vale a dire con disprezzo, ignorando che la concezione filosofica che essi praticano nelle scuole derivi proprio dal pensiero sofistico. Scimmiottano Socrate! Per sviluppare il senso critico è sufficiente inserire nelle scuole un buon corso di “retorica”. L’ottimo manuale di Chaim Perelman, Trattato dell’argomentazione, sarebbe più che sufficiente! Che senso ha far imparare tutta la storia del pensiero filosofico per far conoscere delle buone tecniche di argomentazione? Perché non riportare in auge l’insegnamento della retorica nelle scuole? Questi sono gli equivoci su cui una scuola secolare fonda i suoi errori. Perpetuandoli senza mai metterli in discussione. In ogni caso, il senso critico non si sviluppa soltanto con l’insegnamento di buone tecniche di argomentazione, ma soprattutto con l’acquisizione di conoscenze, storiche, geografiche, scientifiche, sociali, economiche, ecc. La filosofia può continuare ad offrire tutto questo? Non mi pare.
Associare l’insegnamento della filosofia all’elaborazione del senso critico, quale argomento forte per continuare a sostenere la sua presenza didattica nelle scuole, risulta essere una prospettiva del tutto fuori luogo. L’origine della filosofia, o meglio, l’origine dell’atteggiamento filosofico non affonda le sue radici nell’utilità, bensì in un sentimento piacevole, ossia in quell’eccitazione dell’essere che s’attiva ogniqualvolta si supera una resistenza. Tale resistenza è data dall’opacità del mondo, dal fatto cioè che tutto è stato già detto, tutto è già stato acquisito e archiviato. Quindi, dal fatto che non v’è più nulla da scoprire. Nulla che ci possa stupire e meravigliare. Se non siamo in grado di rompere la resistenza che tale opacità oppone alla nostra ricerca. Ogni atteggiamento filosofico risulta nullo. Vano. Quando si arriva a questo punto, vuol dire che la routine e l’automatismo della vita ci hanno completamente fagocitati, imprigionati nei suoi ingranaggi…
Chissà, neanche la propria morte suscita stupore…


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. filosofia retorica insegnamento perelman

permalink | inviato da brunocorino il 1/2/2012 alle 10:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 219503 volte

OkNotizie Leggi la mia intervista su Whohub
Chiedi un opinione su qualche argomento:


Motori ricerca Dettagli giordanogiordani.ilcannocchiale.it Paperblog

Liquida

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License. free counters

La verità è brutta: abbiamo l'arte per non perire a causa della verità.
F. Nietzsche, Frammenti, 16 (40) 6, 1888.

"Non è affatto vero che l'artista esista anche se incompreso. A lunga scadenza l'artista incompreso cessa di esistere, sparisce di circolazione..."

EUGENIO MONTALE

Aggregatore 

Sulla rivista online

leggi: Il filosofo e il poeta: Saba/Colorni

http://www.scrittinediti.it/blog/2011/04/07/il-filosofo-e-il-poeta-sabacolorni/

 

Amo la poesia di Dante per la sua compostezza. Amo la poesia di Catullo per le sue laceranti passioni. Amo la poesia di Leopardi per la sua concezione della vita aderente ai suoi versi. Amo la poesia di Majiakoski per i suoi versi fragili e irruenti. Amo la poesia di Esenin per il respiro della sua terra. Amo la poesia di Gozzano per la sua ironica malinconia. Amo la poesia di Montale per la sua sapienza. Amo tutti i poeti che hanno dato un gusto nuovo alla vita.Non amo Carducci per la sua vanità. Non amo D'Annunzio per la sua falsità. Amo Pascoli, ma solo a metà. 

 

Chi volesse leggere in versione integrale

I colori della vita e altre storie
Il prodigio. Racconto onirico
Rocciacavata
.
può cliccare
http://www.centoautori.it/Opera.aspx?Page=autore
 

Il vero mistero del mondo è il visibile, non l’invisibile.
Oscar Wilde

E' bello doppo il morire vivere anchora...

Il racconto Latebre di desiderio è pubblicato in Vino veritas

Il racconto La casa diroccata è pubblicato in "Era una crepa nel muro. Il giallo"

Il racconto Notte di cielo stellato è pubblicato in

 

Il racconto "L'abulico" è pubblicato in "L'ACCIDIA" 

Cop_L'accidia ANTEPRIMA.jpg

 Il racconto "Sulla punta di un grammofono" è pubblicato in "L'INVIDIA"

 Cop_L'invidia ANTEPRIMA.jpg

 Uno stralcio del "Prodigio" col titolo "Il prestito" è pubblicato in "L'AVARIZIA"

Cop_L'avarizia ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Scivolo nel sonno..." è pubblicata in "LA NOTTE"

Cop_La notte ANTEPRIMA.jpg

 La poesia "A te che Venere non sei, ma le somigli" è pubblicata in "BELLEZZA"

Cop_Bellezza ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Il fissato" è pubblicata in "DANZANDO NEL SAPORE DELL'UVA"

 Cop_Eros ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Il Funambolo" è pubblicata in "SCANTINATI PER MEDUSE E FIORI DI CRISTALLO"

Cop_Scantinati per meduse e fiori di cristallo ANTEPRIMA.jpg

La Poesia "Fritto misto" è pubblicata in "LA GOLA E I VIZI CAPITALI"

Cop_La Gola ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Nostalgie" è pubblicata in "MALINCONIA. I GRANDI TEMI DELLA POESIA"

Cop_Malinconia ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Corpo teso" è pubblicata nell'antologia QUANDO LA PELLE NON CI SEPARAVA

 Cop_Quando la pelle non ci separava ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Aurora - Attenti al titolo" è pubblicata nell'antologia LA VITA CHE TI DIEDI

   Tecnica mista su tavola 40x40

 SOLIDARIETA' ORGANICA

  

IL MODO CORRETTO DI MORIRE

 

NON TI SCORDAR MAI DI ME

 

OFELIA

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ASPETTANDO UN NOME

OTIUM FELIX

FOTO D'EPOCA

 

Ognuno di noi ha dei romanzi/racconti che sono degli amici cari con i quali ogni volta che stiamo insieme abbiamo sempre mille cose da dirci e da raccontarci  e con i quali  mai ci stanchiamo di parlare. Si sa, i veri amici non sono poi così tanti. Ecco i miei cinque più cari amici:

La morte di Ivan Il'ic, Lev Tolstoi

Senilità, Italo Svevo

Doktor Faustus, Thomas Mann

Il rosso e il nero, Stendhal

La letttera rubata, Edgar Allan Poe

 

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001.