.
Annunci online

Accademico di nessuna Accademia
CULTURA
16 dicembre 2011
L'abisso può attendere...


Dove vai piccolo navigante?
Sei ancora alla ricerca di un principio intellegibile che ti dia la certezza che tutto ciò che accade nell’Universo abbia senso? Perché tu desideri che tutto che accade abbia una giustificazione, una legittimazione, una spiegazione?
Perché tu hai bisogno di credere, anche se talvolta ti sfugga il senso delle cose, tanto per te comunque è “implicito” nella mente divina…
Insomma, per te navigante, il mistero si risolve in un problema di comprensione o di incomprensione…
Sì è così, anche il dolore, la sofferenza, la violenza, la crudeltà, la morte e la vita trovano un loro posto…
Se accadano eventi dolorosi, violenti, sofferti, vuol dire che fanno parte di un disegno divino il cui senso può sfuggire alla mente umana, ma non a quella divina…
Posto che esista un tale principio intellegibile e che tutto ciò che accade abbia senso, quale compito ti sei preservato?
Portare alla luce il senso riposto nell’accaduto: attraverso i molteplici segni risalire a poco a poco a comprendere il disegno intero, ossia capire quale volontà si celi dietro quegli accadimenti?
Sebbene, rimanga per te sempre un senso di mistero, tu sei soddisfatto…
Il senso non appartiene alla tua vita…
Tu, navigante, riponi il senso sempre altrove…
Tu, navigante, agisci, ma non sai quel che fai…
Tu non puoi saperlo perché non possiedi il senso compiuto dell’evento…
Tu sei l’esecutore dell’azione finita, ma non il mandante della sequenza infinita…
Tu sei soltanto un’infinitesima parte di un disegno…
Tu non sei il responsabile del senso ultimo dell’accaduto…
Tuttavia, tu sei l’interprete dei segni: gli eventi accadano, e tu scopri il loro senso nascosto, e lo fai perché sei sostenuto da una fede incrollabile che al mondo ci sia una mente intellegibile che guidi le sorti del Cosmo…

Ma che accade se un giorno, a forza di cercare il senso riposto delle cose, scopri che le cose non hanno senso, che farai navigante?
Rispondi, navigante: cosa farai?
Dove punterai la prua della tua fragile imbarcazione quando avrai perso la bussola della fede che guidava il tuo peregrinare? Dimmi, navigante, che farai? Cosa farai quando all’improvviso il vortice s’aprirà sotto la plancia della tua mortale imbarcazione? Crederai fino all’ultimo istante, all’ultima frazione di secondo che ti resta a disposizione che anche l’abisso che si sta chiudendo sopra la tua testa abbia un senso? E se in quell’ultima frazione di tempo…
Cosa accade in quella ultima frazione?
Perché ti rifiuti di vivere come se se stessi vivendo l’ultima tua frazione?
Troppo difficile, vero?
Meglio rimandare e fingere che nella clessidra ci sia ancora tanta sabbia da scorrere. Perché pensare che siamo arrivati al suo ultimo granello?
L’abisso come il paradiso può sempre attendere…




permalink | inviato da brunocorino il 16/12/2011 alle 18:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 1 volte

OkNotizie Leggi la mia intervista su Whohub
Chiedi un opinione su qualche argomento:


Motori ricerca Dettagli giordanogiordani.ilcannocchiale.it Paperblog

Liquida

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License. free counters

La verità è brutta: abbiamo l'arte per non perire a causa della verità.
F. Nietzsche, Frammenti, 16 (40) 6, 1888.

"Non è affatto vero che l'artista esista anche se incompreso. A lunga scadenza l'artista incompreso cessa di esistere, sparisce di circolazione..."

EUGENIO MONTALE

Aggregatore 

Sulla rivista online

leggi: Il filosofo e il poeta: Saba/Colorni

http://www.scrittinediti.it/blog/2011/04/07/il-filosofo-e-il-poeta-sabacolorni/

 

Amo la poesia di Dante per la sua compostezza. Amo la poesia di Catullo per le sue laceranti passioni. Amo la poesia di Leopardi per la sua concezione della vita aderente ai suoi versi. Amo la poesia di Majiakoski per i suoi versi fragili e irruenti. Amo la poesia di Esenin per il respiro della sua terra. Amo la poesia di Gozzano per la sua ironica malinconia. Amo la poesia di Montale per la sua sapienza. Amo tutti i poeti che hanno dato un gusto nuovo alla vita.Non amo Carducci per la sua vanità. Non amo D'Annunzio per la sua falsità. Amo Pascoli, ma solo a metà. 

 

Chi volesse leggere in versione integrale

I colori della vita e altre storie
Il prodigio. Racconto onirico
Rocciacavata
.
può cliccare
http://www.centoautori.it/Opera.aspx?Page=autore
 

Il vero mistero del mondo è il visibile, non l’invisibile.
Oscar Wilde

E' bello doppo il morire vivere anchora...

Il racconto Latebre di desiderio è pubblicato in Vino veritas

Il racconto La casa diroccata è pubblicato in "Era una crepa nel muro. Il giallo"

Il racconto Notte di cielo stellato è pubblicato in

 

Il racconto "L'abulico" è pubblicato in "L'ACCIDIA" 

Cop_L'accidia ANTEPRIMA.jpg

 Il racconto "Sulla punta di un grammofono" è pubblicato in "L'INVIDIA"

 Cop_L'invidia ANTEPRIMA.jpg

 Uno stralcio del "Prodigio" col titolo "Il prestito" è pubblicato in "L'AVARIZIA"

Cop_L'avarizia ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Scivolo nel sonno..." è pubblicata in "LA NOTTE"

Cop_La notte ANTEPRIMA.jpg

 La poesia "A te che Venere non sei, ma le somigli" è pubblicata in "BELLEZZA"

Cop_Bellezza ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Il fissato" è pubblicata in "DANZANDO NEL SAPORE DELL'UVA"

 Cop_Eros ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Il Funambolo" è pubblicata in "SCANTINATI PER MEDUSE E FIORI DI CRISTALLO"

Cop_Scantinati per meduse e fiori di cristallo ANTEPRIMA.jpg

La Poesia "Fritto misto" è pubblicata in "LA GOLA E I VIZI CAPITALI"

Cop_La Gola ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Nostalgie" è pubblicata in "MALINCONIA. I GRANDI TEMI DELLA POESIA"

Cop_Malinconia ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Corpo teso" è pubblicata nell'antologia QUANDO LA PELLE NON CI SEPARAVA

 Cop_Quando la pelle non ci separava ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Aurora - Attenti al titolo" è pubblicata nell'antologia LA VITA CHE TI DIEDI

   Tecnica mista su tavola 40x40

 SOLIDARIETA' ORGANICA

  

IL MODO CORRETTO DI MORIRE

 

NON TI SCORDAR MAI DI ME

 

OFELIA

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ASPETTANDO UN NOME

OTIUM FELIX

FOTO D'EPOCA

 

Ognuno di noi ha dei romanzi/racconti che sono degli amici cari con i quali ogni volta che stiamo insieme abbiamo sempre mille cose da dirci e da raccontarci  e con i quali  mai ci stanchiamo di parlare. Si sa, i veri amici non sono poi così tanti. Ecco i miei cinque più cari amici:

La morte di Ivan Il'ic, Lev Tolstoi

Senilità, Italo Svevo

Doktor Faustus, Thomas Mann

Il rosso e il nero, Stendhal

La letttera rubata, Edgar Allan Poe

 

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001.