.
Annunci online

Accademico di nessuna Accademia
letteratura
22 agosto 2011
La casa diroccata


Per il giallo provo un’attrazione particolare. Quando mi capita di vedere qualcosa di giallo i miei sensi s’eccitano; mi si scatena una ridda di emozioni. Di solito si dice che sia il rosso a provocare questo effetto; a me, invece, succede con il giallo. Il giallo nella vita lo associo alla felicità, alla luce, al benessere materiale e spirituale, alle estati e all’estasi, al sole, al caldo e ai campi di grano. Quando ripenso a qualche episodio dell’infanzia, i miei ricordi si tingono come scorza del limone, o come la pelle di quelle grosse e lucide susine che mi divertivo a rubare negli orti da bambino. Mi chiedo se sia la luce che il giallo riesce a imprigionare nei suoi pigmenti a suscitare in me questo effetto. I miei ricordi sono circonfusi di una luce che vorrei vedere nelle cose che dipingo. Ma quando alla fine viene fuori un’altra luce, allora smetto. Sarà per questo che ultimamente dipingo poco. Per consolarmi o confortarmi dico a me stesso che si tratta di una momentanea mancanza d’ispirazione, ma so benissimo che non è così. Quando vivo queste situazioni, provo a distrarmi con lunghe camminate, e giro sempre con in mano il mio bloc–notes di carta ruvida e la matita nel taschino. Non è per vanità, ma ho bisogno di questi accessori per essere tranquillo.

E così faccio lunghe camminate in campagna. L’altro giorno sono arrivato davanti a un campo di grano e mi sono fermato ad osservarlo. Tutta quella immensa distesa gialla mi metteva addosso un senso di pace. Soffiava una brezza leggera e le spighe si piegavano dolcemente alla carezza del vento. Ho avuto impressione che per un attimo quel campo mi rimandasse indietro la trama dei ricordi. Ad un tratto, una casa diroccata non molto distante, costruita su un lieve pendio, attrasse la mia attenzione. Non aveva nulla di particolare. Il tetto era completamente crollato, in piedi erano rimaste soltanto quattro mura. La pioggia, il sole e gli altri elementi naturali avevano finito con lo scrostare le pareti e mettere a nudo la pietra. A vederla a quella distanza appariva soltanto una chiazza grigia che si stagliava su uno sfondo azzurro. La osservava con le spalle rivolte al sole. L’elemento che più m’attrasse fu un sottile riflesso di luce gialla che la casa proiettava. Mi chiedevo, come avrei fatto a riportare sulla tela quella chiazza grigio/gialla?

Mi sono seduto su un masso e ho cominciato a tracciare uno schizzo. Riportavo sul foglio le superficie rettangolari. Ad un certo punto, ho smesso. Avevo cominciato ad abbozzare le linee prospettiche del campo, della collina e della casa; lo sfondo l’avevo lasciato completamente in bianco. Le tre masse che riempivano il foglio mi sembravano slegate tra loro. Non riuscivo a vedere un nesso che potesse unirle. Ho provato a rigirarlo più volte su stesso, ma ogni massa finiva con l’avere una vita a sé. Non riuscivo a rendere sul foglio la complessità del tutto. La piccola irregolarità del terreno sulla quale si elevavano le rovine della casa era contigua al campo di grano, ma non riuscivo a vedere come quella protuberanza si fosse originata dal movimento della terra. Le linee tracciate sul foglio non avevano un andamento organico: arrivate a un certo punto si spezzavano e riprendevano con un altro ritmo; allo stesso modo la linea che separava lo sfondo del cielo e il resto del paesaggio mi appariva arbitraria, come se non avessero alcuna relazione tra il terreno e tutto il resto. Cosicché mi rendevo conto di questo fosse banale voler riportare su un supporto bidimensionale una realtà che aveva molteplici dimensioni. Pensavo che ogni minima variazione subita da quella costruzione nel corso del tempo non fosse dovuto a un movimento accidentale, ma provocata da conseguenze concomitanti prodotte da movimenti tellurici e cosmici. Non che un disegno non riesca ad esprimere le forze latenti che si sprigionano dalle masse, ma è ch’esse vengano rappresentate come qualcosa di autonomo; mentre a me interessava individuare i punti di torsione, cioè la “sprezzatura” o il momento di raccordo in cui il respiro dell’una finisce per riprendere in quello dell’altra. Non cercavo un’impressione fugace, ma una sensazione durevole. Ad esempio, osservava una parte del muro in cui la massa grigia s’addensava e la luce gialla che declinava spostandosi alla mia destra, eppure non riuscivo ad abbozzare una chiazza grigia che mi desse un senso di continuità. In pratica era come se non riuscissi a trovare le linee che collegassero le masse tra loro. Così come non riuscivo a trovare i nessi che unissero la mia attrazione per il giallo, la mia infanzia e la mia attività di pittore. In fondo, anche queste mi sembrano slegate tra loro, senza alcun rapporto significativo. Mentre riflettevo su questa mancanza mi vennero in mente queste equivalenze: il campo di grano rappresentava la mia infanzia, la casa diroccata la mia opera e lo sfondo azzurro del cielo la mia attrazione per il colore. Ecco, mi dissi, prova a trovare i loro punti di raccordo! Ho chiuso gli occhi e con la mente mi sono concentrato sulle impressioni che il paesaggio mi aveva lasciato. A quel punto però mi sono visto comparire la strada sterrata e il masso dove stavo accovacciato il recinto che limitava il campo. Tutto il resto sembrava avvolta nella nebbia. Dopo diversi tentativi, alla fine mi sono stancato e ho abbandonato l’impresa. La luce del sole stava ormai tramontando, e l’effetto dell’ombra era svanito. Mi sono alzato, stanco di stare seduto su quel masso, e ho ripreso la via del ritorno. Ho dato un’ultima occhiata a quella casa diroccata, che cominciava a tingersi di arancione. In fondo, ho pensato mentre tornavo indietro, nella vita di ciascuno rimane sempre qualcosa di non concluso: cosicché, anche se fossi ritornato l’indomani l’avrei comunque ritrovata in piedi.



permalink | inviato da brunocorino il 22/8/2011 alle 9:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 220940 volte

OkNotizie Leggi la mia intervista su Whohub
Chiedi un opinione su qualche argomento:


Motori ricerca Dettagli giordanogiordani.ilcannocchiale.it Paperblog

Liquida

Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License. free counters

La verità è brutta: abbiamo l'arte per non perire a causa della verità.
F. Nietzsche, Frammenti, 16 (40) 6, 1888.

"Non è affatto vero che l'artista esista anche se incompreso. A lunga scadenza l'artista incompreso cessa di esistere, sparisce di circolazione..."

EUGENIO MONTALE

Aggregatore 

Sulla rivista online

leggi: Il filosofo e il poeta: Saba/Colorni

http://www.scrittinediti.it/blog/2011/04/07/il-filosofo-e-il-poeta-sabacolorni/

 

Amo la poesia di Dante per la sua compostezza. Amo la poesia di Catullo per le sue laceranti passioni. Amo la poesia di Leopardi per la sua concezione della vita aderente ai suoi versi. Amo la poesia di Majiakoski per i suoi versi fragili e irruenti. Amo la poesia di Esenin per il respiro della sua terra. Amo la poesia di Gozzano per la sua ironica malinconia. Amo la poesia di Montale per la sua sapienza. Amo tutti i poeti che hanno dato un gusto nuovo alla vita.Non amo Carducci per la sua vanità. Non amo D'Annunzio per la sua falsità. Amo Pascoli, ma solo a metà. 

 

Chi volesse leggere in versione integrale

I colori della vita e altre storie
Il prodigio. Racconto onirico
Rocciacavata
.
può cliccare
http://www.centoautori.it/Opera.aspx?Page=autore
 

Il vero mistero del mondo è il visibile, non l’invisibile.
Oscar Wilde

E' bello doppo il morire vivere anchora...

Il racconto Latebre di desiderio è pubblicato in Vino veritas

Il racconto La casa diroccata è pubblicato in "Era una crepa nel muro. Il giallo"

Il racconto Notte di cielo stellato è pubblicato in

 

Il racconto "L'abulico" è pubblicato in "L'ACCIDIA" 

Cop_L'accidia ANTEPRIMA.jpg

 Il racconto "Sulla punta di un grammofono" è pubblicato in "L'INVIDIA"

 Cop_L'invidia ANTEPRIMA.jpg

 Uno stralcio del "Prodigio" col titolo "Il prestito" è pubblicato in "L'AVARIZIA"

Cop_L'avarizia ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Scivolo nel sonno..." è pubblicata in "LA NOTTE"

Cop_La notte ANTEPRIMA.jpg

 La poesia "A te che Venere non sei, ma le somigli" è pubblicata in "BELLEZZA"

Cop_Bellezza ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Il fissato" è pubblicata in "DANZANDO NEL SAPORE DELL'UVA"

 Cop_Eros ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Il Funambolo" è pubblicata in "SCANTINATI PER MEDUSE E FIORI DI CRISTALLO"

Cop_Scantinati per meduse e fiori di cristallo ANTEPRIMA.jpg

La Poesia "Fritto misto" è pubblicata in "LA GOLA E I VIZI CAPITALI"

Cop_La Gola ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Nostalgie" è pubblicata in "MALINCONIA. I GRANDI TEMI DELLA POESIA"

Cop_Malinconia ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Corpo teso" è pubblicata nell'antologia QUANDO LA PELLE NON CI SEPARAVA

 Cop_Quando la pelle non ci separava ANTEPRIMA.jpg

La poesia "Aurora - Attenti al titolo" è pubblicata nell'antologia LA VITA CHE TI DIEDI

   Tecnica mista su tavola 40x40

 SOLIDARIETA' ORGANICA

  

IL MODO CORRETTO DI MORIRE

 

NON TI SCORDAR MAI DI ME

 

OFELIA

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ASPETTANDO UN NOME

OTIUM FELIX

FOTO D'EPOCA

 

Ognuno di noi ha dei romanzi/racconti che sono degli amici cari con i quali ogni volta che stiamo insieme abbiamo sempre mille cose da dirci e da raccontarci  e con i quali  mai ci stanchiamo di parlare. Si sa, i veri amici non sono poi così tanti. Ecco i miei cinque più cari amici:

La morte di Ivan Il'ic, Lev Tolstoi

Senilità, Italo Svevo

Doktor Faustus, Thomas Mann

Il rosso e il nero, Stendhal

La letttera rubata, Edgar Allan Poe

 

Questo blog si presenta sotto forma di appunti personali, e come tale non segue un vero filo logico nel corso del tempo. Il presente blog non costituisce testata giornalistica, non ha carattere periodico ed è aggiornato secondo la disponibilità e la reperibilita’ dei materiali ivi contenuti. Pertanto, non può essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della Legge n° 62 del 7.03.2001.